il cornettificio

Il mix perfetto tra tradizione e innovazione. Da sempre la vostra voglia di dolce

preparazione

1944

È in una Bari calata in uno scenario di guerra che Tommaso De Nicolò inizia la sua attività, quella che può essere definita la passione della sua vita, gestire una buvetteria, uno di quei luoghi di ristoro passeggero, dove ci si incontra a fare due chiacchiere, si sorseggia un caffè o una bibita fresca e si assaggia qualche capolavoro di pasticceria.

Tommaso è nato nel 1924, ha attraversato gli anni tremendi del conflitto mondiale e sa bene come le persone abbiano bisogno di un posto in cui è possibile lasciare fuori dalla porta gli orrori della guerra, dove un dolce alla crema può regalare un attimo di felicità.

team-cornettificio

Dalla gestione della buvetteria di Radio Bari, storica sede radiofonica della Rai, al cinema Impero di corso Sonnino, Tommaso fa le prove generali prima di mettersi in proprio e fondare, nel 1944, il Caffè Aida, manifesto del vitalismo barese e di un’Italia che riparte.

Il locale di culto, nella sua sede di via Piccinni, attraversa la seconda metà del secolo restando nella memoria dei suoi concittadini come un simbolo di una Bari bella e opulenta, fatta di sorrisi e insegne luminose.

Aida lega indissolubilmente il suo nome alle merendine di cui è produttrice grazie alla ricetta di Carlo, il suo cognome si è ormai perso nel tempo, pasticcere milanese che crea un dolce unico, emblema della Fiera del Levante per 50 anni.

tommaso-quadrata

2007

Gli anni passano, Tommaso invecchia e ad affiancarlo arriva suo figlio, classe 1950. Vincenzo, con una brillante carriera di avvocato davanti e una laurea in giurisprudenza in tasca, lascia il Foro per la pasticceria; siamo nel 1976 e l’azienda di famiglia si arricchisce di una nuova competenza: sì, perché, se Tommaso si era finora circondato di chef e pasticceri, Vincenzo vuole imparare i segreti del mestiere e creare con le proprie mani i dolci di famiglia.

È così che passione e perseveranza lo portano in breve tempo a diventare uno dei più quotati pasticceri a livello locale, diventando un esperto maestro nell’arte del lievito madre e dei sistemi di lievitazione in genere, competenza che più tardi gli varrà il titolo di “Professore”, soprannome che Vincenzo mantiene tutt’oggi.

Come tutte le belle storie anche quella dell’Aida volge al termine, riuscendo a superare gli anni duemila e ad approdare in un mondo diverso da quello in cui la pasticceria è nata. Terminata quell’avventura, ai componenti dell’azienda non passa certo la voglia di creare bontà e soprattutto di offrirle al suo pubblico.

La missione in fondo resta quella iniziata da Tommaso nel dopoguerra, portare sorrisi alle persone attraverso prodotti di alta pasticceria, la stessa missione che oggi un altro Tommaso, suo nipote, continua a mantenere viva con il Cornettificio, punto di riferimento per la vostra voglia di dolce che arriva in ogni ora della giornata.

Dal 2007 la nostra attività ha sede in corso Alcide De Gasperi 266, è qui che abbiamo ricostruito una storia iniziata più di 70 anni fa, è qui che vogliamo ricreare ogni giorno quello spirito che ci ha contraddistinto fin dalla nascita, è qui che vi aspettiamo per rinnovare quel patto di bontà che abbiamo stretto con i nostri concittadini baresi.